Uno sguardo dell’Italia sull’Azerbaigian

Questa raccolta di articoli e interviste testimonia un’attenzione costante, da diversi anni, di Domenico Letizia per una regione la cui importanza geopolitica non può essere sottovalutata. Il Caucaso, infatti, svolge da secoli una funzione preziosa come uno dei nodi di scambio fra Oriente e Occidente e tale funzione si è notevolmente accresciuta con la necessità, per l’Europa, di accedere con sicurezza a diverse fonti di approvvigionamento energetico che gravitano sulla regione del Caspio. Inoltre l’Azerbaigian ha un ruolo politico chiave per la sua collocazione – non soltanto geografica, ma anche e soprattutto storica e culturale – fra la Russia, l’Iran e la Turchia: tre dei principali attori delle relazioni internazionali, con i quali, nel bene o nel male, è inevitabile confrontarsi.
————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————-
Indice:  
 – Introduzione di Antonio Stango;
– L’Azerbaigian: donne e politiche di “genere”;
– Dialogo interculturale, a Baku il terzo Forum;
–  Nagorno-Karabakh, condanna della CEDU all’Armenia;
 – Storia e futuro della diplomazia azerbaigiana;
– Il massacro di Khojaly Impunità e giustizia: il caso Khojaly;
– Le reazioni al conflitto del Nagorno-Karabakh;
– Intervista all’Ambasciatore Ahmadzada;
– Intervista all’Ambasciatore Italiano a Baku, Giampaolo Cutillo;
– Baku capitale del multiculturalismo;
– Il mondo dell’hi-tech si incontra a Baku;
– Le prospettive per l’export in Azerbaijan per le aziende del Centro Sud;
– Armenia-Azerbaigian: Piattaforma di Pace;
– Le reti del Caucaso e il futuro del Caspio;
– Non dimentichiamo il genocidio di Khojaly;
– Il TAP, il Mediterraneo e le nuove reti energetiche;
– Mehriban Aliyeva primo vice presidente;
– Il nuovo porto di Baku e l’istituzione della prima Free Zone azera;
– Azerbaigian. I Giochi per la Solidarietà Islamica e e la forza del multiculturalismo;
– Nagorno-Karabakh, analisi di un conflitto congelato.
————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————
L’esempio nella regione di uno Stato la cui popolazione è in maggioranza di tradizione islamica e che consente non una semplice tolleranza, ma la libera convivenza nel reciproco rispetto di persone praticanti diverse religioni o che non ne praticano alcuna è un fattore di stabilità; ed è in questo che ritengo possa trovarsi la chiave per la soluzione di molte delle minacce alla sicurezza internazionale che traggono origine dal fondamentalismo o che da esso sono alimentate. Non è un caso che l’Azerbaigian sia particolarmente attivo nel “Decennio internazionale per l’avvicinamento delle culture” (2013-2022) proclamato dall’UNESCO, con l’organizzazione di forum e altri eventi di alto livello che mirano a rendere quel principio qualcosa di più di una proclamazione di intenti. In un sistema delle Nazioni Unite tutt’altro che perfetto, occorre del resto utilizzare in modo coerente almeno alcuni dei suoi meccanismi.
Per acquistare il volume di Domenico Letizia scrivere alla casa editrice “Antonio Stango Editore“, al seguente indirizzo email: stangoeditore@gmail.com
Per acquistare tramite “Amazon”: Uno sguardo dall’Italia sull’Azerbaigian
Recensioni e interviste: 

 

“Azerbaigian, culla del futuro”.  “L’intervista. Snodo fra Europa ed Asia, le ricchezze del Paese del Caucaso raccontante nel libro di Domenico Letizia“. Pubblicato dal Nuovo Corriere Nazionale, intervista a Domenico Letizia a cura di Liliana Chiaramello.